Giovani: i diari per la legalità

nullBrescia: "Diario per una vita migliore" e "Notes"
Tornano il "Diario per una vita migliore" e "Notes", giunti all'edizione 2013-2014. E tornano i consigli che anche quest'anno la questura di Brescia suggerisce ai bambini e ai ragazzi. Infatti il progetto originario che si rinnova ogni hanno ha l'ambizione di essere uno strumento che affianchi i ragazzi nella loro crescita. Come ci suggerisce l'autore, Domenico Geracitano, "Nasce dal percorso educativo che sviluppiamo all'interno del mondo scolastico di ogni grado e queste pubblicazioni rappresentano la restituzione di quanto abbiamo fatto durante lo scorso anno scolastico".

Quattro sono i temi trattati: legalità, sport, alimentazione e ambiente, che rappresentano il punto di partenza che vuole offrire ai ragazzi uno strumento valido per affrontare la crescita attraverso uno stile di vita sano.

Ma i bambini e i ragazzi non sono solo gli utenti finali di questo progetto avendo partecipato attivamente a tutte le fasi di realizzazione del diario, dagli incontri in Questura sugli argomenti trattati ai disegni stessi che arricchiscono gli angoli delle pagine.
Sul sito del "Diario per una vita migliore", sono disponibili curiosità, approfondimenti e materiale pedagogico.


Nuoro: "Diahiò"
E torna anche quest'anno la sesta edizione di Diahiò, il diario della legalità della Polizia di Stato, nato da un progetto della questura di Nuoro, dedicata ai bambini delle scuole primarie di quarta e quinta elementare. È Geronimo Stilton, il topo che tanto successo riscuote tra i giovanissimi, il testimonial di questa edizione 2013-2014.

Già 45mila copie hanno raggiunto le scuole della Sardegna, mentre altre 2mila sono state distribuite anche agli alunni della provincia di Verbano-Chiuso-Ossola, che lo hanno apprezzato dopo averlo sfogliato su internet negli scorsi anni.

Temi di quest'anno: la legalità, e i diritti e i doveri, raccontati attraverso il mondo della mitologia. "Abbiamo scelto di parlare ai ragazzi di legalità - ha detto Fabrizio Mustaro, ideatore del diario - in un modo originale, attraverso personaggi che non conoscono dalla tv o da internet e nemmeno dai racconti familiari, ma che rappresentano ancora un efficace strumento educativo, intermedio tra le favole e i cartoni animati".

Dunque uno spunto di riflessione per i ragazzi, da applicare alla vita di tutti i giorni.
Sul sito della questura di Nuoro è consultabile e scaricabile "Diahiò".

27/09/2013
(modificato il 30/09/2013)