Avellino ricorda il prefetto Manganelli

Ad Avellino, la sua città, è stato ricordato Antonio Manganelli il capo della Polizia recentemente scomparso.

In questura alla presenza del vice capo della Polizia Matteo Piantedosi, dei famigliari e di tutte le autorità locali, è stata intitolata al prefetto Manganelli la nuova sala convegni della questura. Dopo la benedizione della sala da parte del vescovo di Avellino Francesco Marino, è seguito il saluto del questore Sergio Bracco; hanno preso infine la parola, per ricordare la figura del capo della Polizia, il prefetto della Città Umberto Guidato ed il Vice Capo della Polizia Piantedosi.

Nel corso dell'intervento il prefetto Piantedosi ha ricordato la figura del capo della Polizia per le sue doti umane e professionali sottolineandone "quel suo tratto cordiale, l'innata generosità e simpatia, la grande competenza e l'eccezionale senso dello Stato che sono stati fondamentali per assolvere compiutamente oltre al compito di capo della Polizia, quello di direttore generale della Pubblica Sicurezza, assicurando piena collaborazione tra tutte le forze di polizia".

30/04/2013
(modificato il 02/05/2013)