Trieste: fermati 8 clandestini dentro un'autovettura

In sette stipati sul sedile posteriore, uno sdraiato nel bagagliaio. Così viaggiavano a bordo di un'autovettura otto clandestini, due algerini e una famiglia afghana con bambini. L'autovettura proveniente dalla Slovenia è stata fermata nei pressi di Rabuiese da una pattuglia della IV Zona Polizia di Frontiera - Settore di Trieste. L'autista, F.B. di 35 anni, e il passeggero del sedile anteriore, V.C. di 28 anni, sono stati arrestati per favoreggiamento dell'immigrazione illegale, e ora si trovano nel carcere di via del Coroneo; entrambi sono cittadini romeni residenti nel Centro Italia.

L'autovettura, una Škoda Octavia con targa romena intestata al conducente, è stata sequestrata. Tutti i clandestini hanno chiesto l'asilo politico.

Secondo le prime indagini, i clandestini sarebbero partiti dalla Grecia a bordo di un autocarro pagando una cospicua somma di denaro. L'autovettura, su cui sono entrati illegalmente in Italia nella tarda serata dello scorso giovedì, ha subito attirato l'attenzione di una pattuglia della Polizia di Frontiera impegnata nei consueti controlli di retrovalico.

Il veicolo infatti appariva piuttosto carico, con la parte posteriore abbassata, perciò gli agenti hanno voluto vederci chiaro. Il personale della Polizia di Frontiera ha provveduto alle prime necessità degli extracomunitari, specialmente dei bambini; comunque tutti i clandestini erano in buone condizioni di salute, soltanto per due adulti è stata necessaria l'assistenza ospedaliera.

29/04/2013


Parole chiave:
fatti del giorno