Vademecum

CONDIVIDI

VADEMECUM DI RICHIESTA DI ACCESSO ALLA BANCA DATI SCHENGEN

 

Qualora il richiedente risultasse inammissibile nel Territorio Schengen (ex art. 24 del Regolamento SISII) la Divisione N.SIS comunicherà quale Ente ha inserito la segnalazione in Banca dati SISII e gli estremi del provvedimento di espulsione.

La richiesta di cancellazione /variazione della segnalazione di inammissibilità nel territorio Schengen può essere presentata presso tali Uffici comunicati.

In caso di richiesta di Speciale Autorizzazione al rientro nel Territorio Nazionale di cui all’Art. 13 comma 13 del Decreto Legislativo 286/98, questa deve essere presentata per le valutazioni del caso, per il tramite della Rappresentanza Diplomatica italiana nel Paese di appartenenza o di stabile residenza del richiedente, alla Direzione Centrale dell’Immigrazione e della Polizia delle Frontiere (dipps.serv.frontiere@pecps.interno.it), corredata da copia conforme di eventuale documentazione a supporto della richiesta.

Qualora il richiedente risultasse inammissibile nel Territorio Schengen (ex art. 24 del Regolamento SISII) per un inserimento da parte di un paese partner, la Divisione N.SIS comunicherà all’interessato, quale Nazione  ha inserito la segnalazione in Banca dati SISII, l’Autorità Garante DP alla quale rivolgersi e, richiederà al contempo, alla Divisione Sirene Nazionale, gli estremi del provvedimento di espulsione e l’Autorità competente.

In caso l’interessato, soggiornante sul Territorio di un Paese partner Schengen  ma segnalato ex art. 24 del Regolamento SIS2 dall’Italia, potrà richiedere l’attivazione della procedura di consultazione ex Art. 25 della Convenzione di applicazione dell’Accordo di Schengen del 14 giugno 1985, da parte dello Stato Partner Schengen in cui risiede, tramite il canale SIRENE, con l’Italia.

In caso di presenza di un record immesso da un Paese partner Schengen, l’interessato potrà richiederne la correttezza o l’eventuale cancellazione direttamente all’Autorità DP del Paese inseritore.

Le comunicazioni di questa Divisione, inviate tramite posta certificata, hanno identica validità delle risposte cartacee inviate tramite posta raccomandata Ministeriale.

Di seguito l’elenco delle Autorità DP dei Paesi partner:

Belgio: Commission de la Protection de la Vie Privée Rue de la Presse, 35 B – 1000 Bruxelles                 

Danimarca: Rigspolitichefen Afdeling A – Polititorvet 14 - 1780 KØbenhavn V                           

Germania: Bundeskriminalamt  Thaerstraβe 11 D-65193 Wiesbaden                                                        

Grecia: Hellenic Data Protection Authority 1-3 Kfissias Ave 115 23 Athens                                             

Spagna: Agenzia spagnola di Protezione dei Dati  C/Jorge Juan, 6 28001 Madrid                           

Francia: CNIL – 3 Place de Fontenoy TSA 80715, 75334 Paris Cedex 07                                                  

Irlanda: Data Protection Commissioner Block 6,  Irish Life Centre Lower Abbey Street Dublin 1             

Lussenburgo:  Palais de Justice Luxembourg Parquet Général  12 Côte d’Eich – B.P 15 L2010    

Olanda: Korps Landelijke Politiedienst KLPD P.O.Box 3016, 2700 KX Zoetermeer                                  

Austria: Bundesministerium für Inneres Postfach 100 A-1014 Wien                                                         

Portogallo: Commissão Nacional de Protecção de Dados Rua de S.Bento 148-3°                                     

Finlandia: Poliisihallitus Vuorikatu 20 A, PL 302, 00101 Helsinki                                                             

Ungheria: SIRENE Boureau of the National Police Headquarters H-1139 Teve utca 4-6 Budapest                       

Rep. Ceca: Police of the Czech Rep. Policejni prezidium Ceske republiky Strojnicka 27 (PO BOX 62/K-SOU)   170 89            Praha 7                                                          

Polonia: Commander in Chief of the Polish Police ul. Pulawska 148/150 Warszawa                                 

Svezia: Datainspektionen, Postadress Box 8114, 104 20 Stockholm                                                           

Estonia: Andmekaitse Inspektsioon Väike-Ameerika 19, Tallinn 10129                                                    

Slovenia: Human Rights Ombudsman of the Republic of Slovenia Dunajska cesta 56 (4th floor) 1109 Ljubljana                                                                               

Malta: Office of the Data Protection Commissioner 2, Airways House High Street Sliema SLM 16                                                                                  

Svizzera: Ufficio Federale di Polizia – FEDPOL Unità di Stato Maggiore Servizio Giuridico e Protezione dei Dati Nussbaumstrasse, 29 CH-3003 Berna                                                                                              

Rep. Slovacca: Úrad na ochranu osobných údajov Slovenskej republiky Odborárske námestie è. 3  817 60 Bratislava 15                                                                  

Lituania: State Data Protection Ispectrorate A. Juozapavičiaus str. 6 /Slucko str. 2   09310 Vilnius                                                                          

Lettonia: Personal Data Protection Supervision Riga, Blaumana 11/13 - 15, LV-1011, Latvia                                                                                  

Romania: B-dul G-ral. Gheorghe Magheru 28-30 Sector 1, cod postal 010336 Bucuresti                             

Bulgaria: Sofia 1592, 2 Prof. Tsvetan Lazarov blvd., Commission for Personal Data Protection                    

Islanda: Rauðarárstígur 10, 105 Reykjavík, Iceland                                                                             

Norvegia: Datatilsynets Personvernpolicy Postboks 8177 Dep   0034 Oslo                                                               

Ai sensi dell’Art. 42 del Reg. (U.E.) 1987/2006 le informazioni non sono fornite

a) qualora:

I) i dati personali non siano stati raccolti presso il cittadino di un paese terzo interessato;

II) la fornitura dell’informazione si riveli impossibile o richieda sforzi sproporzionati;

b) qualora il cittadino di un paese terzo interessato sia già informato;

c) laddove la legislazione nazionale consenta che il diritto di informazione sia limitato, in particolare per salvaguardare la sicurezza nazionale, la difesa, la pubblica sicurezza e la prevenzione, la ricerca, l’accertamento e il perseguimento di reati.

03/12/2019
Parole chiave: