i nuovi distintivi di qualifica

Motociclismo: Beconi campione europeo e argento per Monni, bronzo mondiale per Lenzi e Maurino

Andrea Beconi delle Fiamme oroBuone notizie dai centauri delle Fiamme oro che si sono messi in evidenza nelle principali competizioni internazionali concluse recentemente.

Su tutti Andrea Beconi che è il nuovo campione europeo della classe enduro, specialità E2 Senior. Il prestigioso risultato è stato raggiunto grazie al primo posto conquistato nella tappa francese, al quinto in quella ungherese, al quarto in Slovacchia e alla vittoria ottenuta nella quarta e ultima prova che si è disputata in Italia, dal 18 al 20 settembre, a Castiglion Fiorentino (Arezzo). Durante la tre giorni di gare si è disputato anche il "Trophy Nation Memorial Fabrizio Meoni" valido come trofeo delle Nazioni, che Andrea Beconi ha vinto con la squadra italiana.

Manuel Monni ha conquistato la medaglia d'argento nel "Motocross delle Nazioni Europee", il campionato europeo a squadre di specialità, che si è disputato a Chernivtsi (Ucraina) il 20 settembre. Il team dell'Italia, formato dal portacolori del Gruppo sportivo della Polizia di Stato e dagli azzurri Alex Salvini e Fabio Compagnone, al termine delle tre manche era a pari punti con l'Olanda che però risultava prima per il computo dei migliori singoli risultati. Da elogiare la gara di Monni che ha dovuto correre in condizioni fisiche precarie, con un forte dolore alla gamba causato dalla rottura dei legamenti nel corso delle prove libere.

Anche Fabio Lenzi e Daniele Maurino hanno conquistato un podio mondiale, infatti fanno parte della nazionale italiana che il 20 settembre ha vinto la medaglia di bronzo nel "Trial delle Nazioni", il campionato del mondo a squadre della specialità, che si è disputato a Boario Terme, in provincia di Brescia. Gli altri componenti del team azzurro erano Matteo Grattarola, Francesco Iolitta e Simone Staltari. Si tratta di un grande risultato per il trial nazionale perché erano 11 anni che una squadra italiana non tornava sul podio di questa manifestazione. Determinante la prova del capitano azzurro, Fabio Lenzi e soprattutto di Daniele Maurino che ha entusiasmato il numeroso pubblico presente: "Siamo partiti bene - ha commentato il pilota delle Fiamme oro - e al primo giro avevamo già acquisito un buon vantaggio sui francesi, nostri avversari diretti, riuscendo così a contenere i problemi dovuti alla pioggia incontrata nel secondo giro. Ho dato il massimo per ottenere un buon risultato e senza la pioggia penso che avremmo potuto avvicinarci all'Inghilterra, non così irraggiungibile. Come sempre al trial delle nazioni lo spirito di squadra è molto forte ma in questa occasione lo è stato ancora di più, stimolato ed incoraggiato da un folto pubblico che ci ha sostenuti con un tifo da stadio".

16/10/2009