i nuovi distintivi di qualifica

Scherma paralimpica: oro, argento e bronzo per le Fiamme oro in Coppa del mondo

Dopo la vittoria nel torneo individuale, Bebe Vio è tornata sul gradino più alto del podio della Coppa del mondo di scherma paralimpica, e lo ha fatto insieme alle sue compagne di club delle Fiamme oro, Andreea Mogos e Loredana Trigilia.

Nella giornata conclusiva della tappa di Sharja (Emirati Arabi Uniti) il terzetto del Gruppo sportivo della Polizia di Stato ha portato il tricolore al trionfo nella gara a squadre di fioretto femminile grazie alla schiacciante vittoria ottenuta in finale contro il team russo con il punteggio di 45-20.

Grande prova delle portacolori cremisi, campionesse europee e mondiali in carica, che per arrivare in finale avevano in precedenza eliminato la Thailandia (45-30), e poi Hong Kong, battuta per 45-41, al termine di un assalto molto equilibrato, risolto nel finale grazie all’ottima prestazione di Andreea Mogos e dell’inarrestabile Bebe Vio.

Da Sharja sono arrivate altre due medaglie targate Fiamme oro: l’argento di Alessio Sarri e il bronzo di Edoardo Giordan.

Nel torneo di sciabola, categoria B, il due volte campione del mondo Alessio Sarri si è messo al collo l’argento dopo essere stato superato in finale, per 15-3, dal polacco Grzegorz Pluta.

Alessio aveva iniziato la gara con cinque vittorie nella fase a gironi per poi battere, agli ottavi, il francese Cratere per 15-11. Nei quarti di finale lo sciabolatore cremisi aveva poi superato il compagno di squadra delle Fiamme oro Marco Cima con il punteggio di 15-11, mentre in semifinale aveva eliminato l’altro polacco Adrian Castro (15-10).

Per il campione cremisi si tratta comunque un buon risultato, che dimostra il suo completo recupero dall’infortunio che lo aveva tenuto per diverso tempo lontano dalle gare, confermando il suo ottimo stato di forma già evidenziato con la vittoria nella prova di Tblisi.

Il bronzo di Edoardo Giordan è arrivato nella categoria A della sciabola maschile; il portacolori delle Fiamme oro è stato fermato in semifinale dal britannico Piers Gilliver, vittorioso con il punteggio di 15-10, mentre in precedenza, dopo aver superato la fase a gironi con cinque vittorie, aveva sconfitto il brasiliano Alex Sandro Souza per 15-4, poi il russo Mikahil Karpov per 15-7 e, nei quarti di finale, il francese Ludovic Lemoine per 15-8.

Sergio Foffo

15/02/2019