“Foro di Roma”, la conferenza dei capi della Polizia della Regione Balcanica

Alla Scuola superiore di Polizia di Roma si è svolto il “Foro di Roma” la riunione annuale dei capi della Polizia dei Paesi dell’area balcanica, a cui partecipano oltre a quella italiana, le delegazioni di 12 Paesi: Albania, Bosnia Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Grecia, Italia, Repubblica di Macedonia del nord, Repubblica Moldova, Montenegro, Romania, Serbia, Slovenia e Ungheria.

Alla conferenza hanno partecipato anche il vice direttore esecutivo operazioni di Europol, Wil Van Gemert, il segretario generale di Interpol, Jürgen Stock, il direttore esecutivo di Frontex, Fabrice Leggeri e il direttore generale di Selec, Snejana Maleeva.

A fare gli onori di casa il capo della Polizia Franco Gabrielli e il vice capo, Vittorio Rizzi.

All’ordine del giorno di questa VI edizione, le strategie di prevenzione e di contrasto delle forme di criminalità transnazionale di maggiore allarme sociale presenti nella regione dei Balcani e che interessano anche il nostro Paese.

In questa prospettiva l’Italia ha proposto la creazione nell’area balcanica, come avviene nel resto dell’Europa, di una rete di Single Point of Contact che diventa snodo centrale per accedere ai diversi network europei o intercontinentali di cooperazione per lo scambio di informazioni sempre più efficaci per l’utilizzo di mirate task-force con il supporto delle Agenzie e delle Organizzazioni internazionali presenti al convegno.

Lo scopo è quello di fronteggiare le minacce attuali date dall’azione di gruppi criminali che sfruttano i flussi migratori, di gruppi terroristici o di organizzazioni criminali.

17/05/2019