Cosenza: arrestati i responsabili dell'omicidio Ruffolo

Due persone sono state arrestate perchè ritenute esecutore e mandante dell’omicidio di Giuseppe Ruffolo, ucciso con diversi colpi di pistola nel settembre del 2011 in una strada del centro di Cosenza.

L’arresto è arrivato a conclusione delle indagini condotte dalle Squadre mobili di Cosenza e Catanzaro e dal Servizio centrale operativo. I due sono accusati di omicidio, aggravato dal metodo e dall’agevolazione dell’associazione mafiosa, e porto illegale di armi.

L’indagine, avvalorata anche dal contributo di alcuni collaboratori di giustizia, ha permesso di ricostruire le dinamiche maturate all’interno del clan mafioso Lanzino-Patitucci, egemone nella zona intorno a Cosenza, che portarono all’omicidio.

Ruffolo venne ucciso a 33 anni, la sera del 22 settembre 2011 in pieno centro a Cosenza, mentre si trovava alla guida della sua auto un’Alfa Romeo Giulietta. Qualcuno lo aveva affiancato a bordo di uno scooter esplodendo diversi colpi di arma da fuoco.

Dalle indagini è emerso che l’omicidio è scaturito dall’attività usuraia che Ruffolo aveva avviato senza avere l’assenso del clan e senza far confluire i proventi dell’attività illecita nei guadagni dell’organizzazione criminale.

Donatella Fioroni

17/05/2019


Parole chiave:
omicidio - Cosenza - arresti - clan