velocità

Le ultime domande

[Domanda n.2055] 

Vorrei avere informazioni sulle sanzioni per le violazioni accertate dagli autovelox

Le sanzioni per la violazione dei limiti di velocità, eventualmente accertate con autovelox, sono previste dall'art. 142 del codice della strada. L'entità della sanzione viene modulata in base alla gravità del comportamento: superamento dei limiti di velocità di non oltre 10 km/h: € 38,00; superamento dei limiti di velocità di oltre 10 ma meno di 40 km/h: € 155,00; superamento dei limiti di velocità di oltre 40 km/h ma non oltre i 60 km/h: € 370,00, oltre alla sanzione accessoria della sospensione della patente di guida da 1 a 3 mesi, con il provvedimento di inibizione alla guida del veicolo, nella fascia oraria che va dalle ore 22 alle ore 7 del mattino, per i tre mesi successivi alla restituzione della patente di guida (da 8 a 18 mesi in caso di recidiva entro il biennio); superamento dei limiti di velocità di oltre 60 km/h: € 500,00 oltre alla sospensione della patente di guida da 6 a 18 mesi (in caso di recidiva in un biennio è disposta la revoca della patente). Tutte le sanzioni sono raddoppiate se commesse alla guida di autotreni, autoarticolati, autosnodati, autobus di massa superiore a 8 t, autocarri di massa superiore a 3,5 t, veicoli adibiti al trasporto di merci pericolose e mezzi d'opera.

[Domanda n.2067] Perchè molte pattuglie effettuano i controlli di velocità in località ove il limite massimo di velocità non è quello massimo consentito?

L'applicazione delle norme di regolazione della convivenza civile hanno primariamente la funzione di prevenire, con la forza deterrente della minaccia della sanzione, il comportamento antigiuridico che descrivono. Anche la loro applicazione in concreto, attraverso la dislocazione sul territorio degli operatori di polizia, ha lo scopo di reprimere le condotte contrarie a legge proprio nelle aree dove più forte è l'indice di rischio delle conseguenze di tali condotte. Pertanto, nel caso dei tratti di strada soggetti a limiti di velocità particolari, i servizi di accertamento della velocità sono ordinariamente concentrati nei cd. punti neri, lì dove, cioè, vi è una concentrazione statistica più elevata di episodi infortunistici nei quali proprio la velocità non regolata, insieme alla distrazione o altre cause, è la responsabile del sinistro stradale. I modi concreti di attuazione di tali servizi sono scelti in ragione della conformazione della strada, dell'andamento del traffico, delle condizioni meteorologiche, ecc. Auguriamo sempre, perché sappiamo di poterci contare per tanta parte dei cittadini, che la disciplina stradale corretta dipenda più che dalla visibilità delle pattuglie, dalla consapevolezza del grande valore della vita e della salute e della necessità di custodire entrambe anche mediante lo scrupoloso rispetto delle norme sulla circolazione stradale.

[Domanda n.2077] Vorrei sapere se è vero che il limite di velocità sulle autostrade a 2 o 3 corsie per ogni senso di marcia, è aumentato a 150 km/h e non è più di 130 km/h.

Non è vero che sulle autostrade a 2 e 3 corsie sia stato elevato il limite di velocità. È vero che l'art. 142 del codice della strada in tema di limiti di velocità, ha previsto la facoltà per gli enti proprietari o concessionari di autostrade di elevare il limite fino a 150 km/h nei tratti a tre corsie sulla base delle caratteristiche progettuali del tracciato, previa installazione dei segnali che indicano i nuovi limiti, purché lo consentano l'intensità del traffico, le condizioni atmosferiche prevalenti ed i dati di incidentalità dell'ultimo quinquennio. L'eventuale imposizione di tale nuovo limite è reso noto agli utenti della strada con segnaletica verticale.

[Domanda n.2091] Ho sentito dire che nei controlli con l'autovelox la pattuglia è tenuta a contestare direttamente l'infrazione al conducente del veicolo. Vorrei qualche chiarimento in merito.

La contestazione delle infrazioni al codice della strada deve essere immediata, secondo quanto prescritto dall'art. 200 del codice della strada. Se tale contestazione è impossibile, l'ufficio da cui dipende l'agente accertatore provvede alla notifica del verbale al proprietario del veicolo. Nei seguenti casi la contestazione immediata non è necessaria, secondo quanto previsto dall'art. 201 del codice della strada: a)impossibilità di raggiungere un veicolo lanciato ad eccessiva velocità;b)attraversamento di un incrocio con il semaforo indicante la luce rossa;c)sorpasso vietato;d)accertamento della violazione in assenza del trasgressore e del proprietario del veicolo;e)accertamento della violazione per mezzo di appositi apparecchi di rilevamento direttamente gestiti dagli organi di polizia stradale e nella loro disponibilità, che consentono la determinazione dell'illecito in tempo successivo, poiché il veicolo oggetto del rilievo è a distanza dal posto di accertamento o comunque nell'impossibilità di essere fermato in tempo utile o nei modi regolamentari;f)accertamento effettuato con i dispositivi di cui all'art. 4 del decreto-legge 20.6.2002, n. 121, convertito in legge 1.8.2002, n. 168; g)rilevazione degli accessi di veicoli nelle zone a traffico limitato e circolazione sulle corsie riservate attraverso i dispositivi previsti dall'art. 17, comma 133-bis, della legge 15.5.1997, n. 127. Negli altri casi in cui non avviene la contestazione immediata, il verbale notificato deve contenere anche l'indicazione dei motivi che hanno reso impossibile la contestazione.

[Domanda n.2095] 

Ho un dubbio: secondo quanto letto sui giornali mi è sembrato di capire che se vengo multato per eccesso di velocità senza essere fermato verranno decurtati i punti al proprietario del veicolo. Mi preoccupo principalmente per la macchina aziendale, infatti la usano più persone e sarei io il responsabile.

L'art.126-bis del codice della strada, nel testo in vigore sino al 26 gennaio 2005, imponeva la decurtazione di punti al proprietario del veicolo che non segnalasse entro 30 giorni chi fosse alla guida del mezzo al momento dell'infrazione. La sentenza n. 27/2005 del Corte Costituzionale ha dichiarato illegittima tale parte dell'art.126-bis estendendo anche al caso del proprietario-persona fisica il trattamento giuridico riservato dal medesimo articolo al proprietario-persona giuridica che non segnala le generalità e il nome del conducente. Oggi con l'ultima modifica intervenuta nel 2006 la sanzione per chi omette di effettuare tale comunicazione è di Euro 263,00.

Amministrazione trasparente

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

Attuazione del d.lgs 33/2013

Prenota il passaporto

PASSAPORTO ONLINE

Prenota l'appuntamento per il tuo passaporto

Controlla il permesso di soggiorno online

PERMESSO DI SOGGIORNO

Controlla il permesso di soggiorno online

Scrivici

SCRIVICI

Risposte alle tue domande

Icona Fiamme oro

FIAMME ORO

Le pagine dedicate agli atleti cremisi

bambini scomparsi

BAMBINI SCOMPARSI

Dedicato alla ricerca dei minori

Logo del Commissariato di P.S. online

COMMISSARIATO DI P.S.

Visita il commissariato online

Abbonati al feed RSS della Polizia di stato

FEED RSS

Sempre aggiornato con i feed della polizia!

oscad

O.S.C.A.D.

Osservatorio per la sicurezza contro gli atti discriminatori

ofra

O.F.RA.

Osservatorio nazionale sui furti di rame

Tutorial

VIDEO TUTORIAL

I video per saperne di più

Polizia di Stato