Faceva la bella vita in Messico, latitante della droga tradito da Facebook

Viveva la sua latitanza facendo la bella vita su una delle spiagge più famose del Messico, passando dalla sua villa con piscina alla palestra, e postando le sue foto su Facebook, dove manteneva i contatti con i suoi amici italiani, suscitando in loro non poca invidia.

Proprio questo suo lato narcisista ha tradito Ivan Fornari, elemento di rilievo della criminalità cagliaritana e latitante dall’ottobre dello scorso anno perché deve scontare una condanna a cinque anni, sette mesi e un giorno di reclusione per traffico di stupefacenti, ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale.

Gli investigatori del Servizio centrale operativo (Sco) e della Squadra mobile di Cagliari hanno scovato il ricercato proprio grazie all’analisi delle informazioni trovate sul suo profilo Facebook.

I poliziotti hanno dedotto che il latitante si trovava in Messico, e precisamente a Playa Del Carmen, individuando anche l’indirizzo dei luoghi abitualmente frequentati dal 34enne cagliaritano, in particolare la palestra, il posto di lavoro e dove abitava.

Tutte le informazioni, comunicate al Servizio interpol, hanno permesso alla polizia messicana di rintracciare e arrestare il ricercato, che, non essendo in regola con il visto di soggiorno, è stato espulso e imbarcato su un volo diretto da Città Del Messico.

Al suo arrivo all’aeroporto di Fiumicino (Roma), ad attenderlo c’erano gli agenti della Mobile cagliaritana e dell’Ufficio di frontiera dello scalo aereo, che lo hanno arrestato.

 

 

16/03/2017