Napoli: intitolati a Francesco Prata gli uffici della Polizia stradale di Nola

Questa mattina a Nola, Napoli, è stata inaugurato il nuovo distaccamento della Polizia stradale intitolato alla memoria dell’assistente Francesco Prata.

La cerimonia, presenziata dal direttore delle specialità della Polizia di Stato, Roberto Sgalla è stata organizzata dal questore di Napoli, Antonio De Iesu e dal dirigente del compartimento polizia stradale per la Campania e la Basilicata, Teseo De Sanctis.

Hanno partecipato le massime autorità politiche, civili, militari e religiose della regione nonché la moglie, i figli ed i nipoti dell'assistente Prata.

La storia

Francesco, in servizio alla questura di Napoli perse la vita il 9 luglio del 1982 durante il tentativo di fermare due rapinatori. Aveva terminato il servizio e si apprestava a prendere un treno per far ritorno a casa quando si imbatté in due giovani che a bordo di un motorino avevano appena fatto una rapina all’interno di un bar.

L’assistente Prata li affrontò bloccandone uno, ma l’altro gli sparò un colpo di pistola ferendolo mortalmente. Nonostante la grave ferita riuscì a consegnare all’equipaggio della pattuglia intervenuta, l’arrestato: morì durante il trasporto in ospedale lasciando la moglie e due figli piccoli.

Il 17 maggio 1984 il presidente della Repubblica gli ha conferito la “medaglia d’oro al valor civile”.

Olivia Petillo

31/05/2018