Utilizzo dei browser

Per evitare che navigando in Internet si finisca accidentalmente o meno su siti poco ortodossi sia dal punto di vista educativo che della sicurezza (molti dei siti che diffondono virus, ad esempio, sono siti pornografici) è possibile adottare diverse strategie di protezione.

Il primo passo, è quello di sfruttare la potenzialità del browser (ad esempio, Internet Explorer , Firefox, Opera) configurandolo opportunamente in modo da permettere l'accesso dei navigatori ai soli siti elencati in una lista impedendo, così, l'ingresso in quelli classificati come "sconvenienti" sulla base delle regole diffuse da alcuni enti quali l'ICRA (Internet Content Rating Association) www.icra.org .

Questi i passaggi necessari per configurare il browser di Internet Explorer:
Selezionare: strumenti, opzioni internet, contenuto
Selezionare: Attiva
Immettere la password del superivisore
Inserire nell'elenco dei siti approvati i siti che si considerano "permessi".

Questo metodo consentirà la navigazione solo nei siti elencati e "consentiti". Qualora l'utente voglia poi richiedere la visualizzazione di una "url" non ammessa, il browser chiederà di immettere la password del supervisore per l'inserimento della nuova "url" tra quelle consentite e permetterne l'accesso.

Nel caso di minori, è importante accertarsi che bambini e adolescenti accedano al computer senza i privilegi di amministratore, e che non abbiano le credenziali per installare altri software. Il genere di protezione appena esposta, infatti, funziona solo con Internet Explorer, quindi è facile aggirarla installando un altro qualunque tipo di browser.

Esistono in rete molti software gratuiti che promettono di svolgere il ruolo di "filtri" sui contenuti del web, inclusi quelli consigliati da enti e istituzioni, ma nessuno di questi è sicuro ed efficace al 100 per cento.

06/08/2013


Parole chiave: