Intitolata a Genolini la palazzina Comando dei Nocs

È stata intitolata a Maurizio Genolini, funzionario di Polizia, la palazzina Comando del Nucleo operativo centrale di sicurezza.

La cerimonia è avvenuta questa mattina al Centro polifunzionale di Spinaceto a Roma ed è stata presieduta dal capo della Polizia Alessandro Pansa. La moglie di Maurizio Genolini e i suoi tre figli, Cristiano, Claudia e Beatrice Maria, accompagnati da un allievo del corso di addestramento, hanno scoperto la targa posta sulla parete esterna della palazzina Comando.

Il cappellano Don Pino Cangiano ha benedetto la targa, quindi la celebrazione si è conclusa con il silenzio d'ordinanza del trombettiere.

Alla cerimonia erano presenti anche il vice capo Fulvio Della Rocca, il questore di Roma Nicolò D'Angelo, il direttore del Centro polifunzionale Domenico Antonio Scali e il comandante del Nocs.

Maurizio Genolini è stato un funzionario di polizia, per anni in prima linea nella lotta al terrorismo e contro la criminalità organizzata. È stato uno dei comandanti dei Nocs, ed è morto a soli 48 anni nel giugno 1997 per un male incurabile.

A lui si deve la cattura del gruppo di Giovanni Senzani, il capo delle Brigate Rosse dopo l'arresto di Mario Moretti. Lui consolò Augusto De Megni appena tirato fuori dal buco dove era tenuto prigioniero nelle colline di Volterra.

18/06/2015