i nuovi distintivi di qualifica

La storia dei mitici cremisi

Padova 1954 - La prima squadra di rugby delle Fiamme oro Padova, 1955.

La prima squadra di rugby delle Fiamme oro.

Nascevano i "Mitici cremisi" che resteranno nella storia del rugby italiano.

Il binomio rugby - Fiamme oro è stato, a cavallo tra gli anni 50 e 60, subito vincente.

Era il novembre del 1955 quando a Padova, presso il II Reparto mobile, un gruppo di venti ragazzi, dopo l'orario di lavoro, si riuniva nel campo "Arcella", dando vita a quella gloriosa squadra che monopolizzò negli anni a seguire l'intero panorama rugbystico italiano.

Vinsero 5 scudetti, 4 coppe Italia e 7 campionati italiani riserve, riuscendo a fornire alla Nazionale dodici giocatori su quindici.
Nel campionato 1956/57, ci fu la prima apparizione delle Fiamme oro in serie A.

Il primo scudetto arrivò l'anno successivo (1957/58), ai danni dell'Amatori Milano, battuti nella doppia finale (andata e ritorno).
L'anno dopo (1958/59) si bissa, le Fiamme oro sconfiggono in finale L'Aquila.

Nel campionato del 1959/60, per porre fine allo strapotere dei "cremisi", la Federazione italiana rugby cambiò il regolamento per l'assegnazione dello scudetto, non più a doppia finale ma a girone finale.
Cambiò la formula ma non il risultato e con una marcia trionfale di ben otto vittorie su dieci incontri, le Fiamme oro vinsero il loro terzo scudetto consecutivo.

Il campionato del 1960/61 fu addirittura incredibile, infatti in serie A, le Fiamme avevano due squadre, poiché una falange minore si era formata anche a Firenze. Si qualificarono entrambe nel girone finale, che vide soccombere con due secchi 36-0 e 28-0 le neo-promosse Fiamme oro, ed il campionato fu vinto dalle Fiamme oro Padova, che migliorò il risultato dell'anno precedente, vincendo il girone finale con dieci vittorie su dieci. Sempre nello stesso anno il palmares si arricchisce di un altro titolo, quello delle riserve, che battono in un girone finale le squadre di Sempione e dell'Esercito.

Visto che le Fiamme oro addormentavano il campionato, la federazione ci riprova e modifica nuovamente la formula, adottando quella a girone unico.
Questa volta, se pur di poco, le Fiamme non si ripetono, arrivano per due anni consecutivi secondi e nel 1967, pur arrivando primi perdono lo spareggio.

Finalmente, però l'anno della riscossa è alle porte, è il 1968. Le Fiamme oro vincono il primo scudetto a girone unico, quinto di sempre, e la Coppa Italia.

Poi, purtroppo, la situazione politica di quei tempi decretò il lento ma inesorabile declino della squadra cremisi. Le Fiamme oro si batterono con coraggio per altri dieci anni, conquistarono altre tre coppe Italia (1969-71-72) e ben altri quattro titoli riserve (1969-71-72-75). Alla fine il palmares, dopo ventidue anni di attività, era così composto:

- 5 scudetti assoluti (1958-59-60-61-68);
- 7 scudetti riserve (1961-66-69-71-72-75);
- 4 coppe Italia (1968-69-71-72).

Nell'aprile del 1978 la favolosa 'Squadra d'oro' chiude la sua favola come l'aveva aperta, con una schiacciante vittoria, inutile però ai fini della salvezza.

Dalle ceneri di quel mito, il 24 novembre del 1985, risorsero le nuove Fiamme oro rugby.
Per meriti sportivi i "cremisi" ricominciarono dalla serie C1; la sede non era più il II Reparto mobile di Padova, ma il III di Milano.
Trasferite a Roma nel 1987, le Fiamme iniziano una inesorabile ascesa.

Nel 1990, con il nuovo presidente, già accompagnatore negli anni 60/70, cambia anche l'allenatore, ma bisogna aspettare altri tre anni per arrivare in serie A2.
Poi nuovi cambiamenti fino al 1995 quando con allenatore Gianpietro Granatelli , i "cremisi" vincono il campionato riserve.
Nel 1997 la promozione nella massima serie (A1); due anni di permanenza, con un ottavo posto come migliore piazzamento.

Nel 2000 in serie A2 con un organigramma tutto nuovo: direttore sportivo Alessandro Cioni, atleta di grosso calibro delle Fiamme oro, in forza dal novembre del 1987 a oggi; allenatori Luigi Rossetti ex atleta di livello delle Fiamme in forza dal marzo del 1989 e Gionata Venturini anch'esso ex atleta di livello delle Fiamme in forza dall'aprile del 1988.
Con loro fino ad oggi un quinto posto nel 1999/2000, un sesto posto nel 2000/2001 ed un settimo posto nella stagione 2001/2002.

Nella stagione 2008/2009 le Fiamme ro, dopo aver condotto in testa tutto il campionato di serie B, vincono lo spareggio per la promozione e salgono in serie A2, dove, nella stagione 2009/10, si piazzano al terzo posto che consente alla squadra di giocarsi la finale di play-out contro il Piacenza Rugby. I poliziotti del rugby vincono ed ottengono la promozione al campionato nazionale A1 per la stagione sportiva 2010-2011.

L'anno successivo, dopo una splendida cavalcata che ha portato le Fiamme oro a giocarsi l'accesso in Eccellenza, dopo la sconfitta sembrava tutto rimandato. Poi il ripescaggio e di colpo il XV cremisi si è ritrovato, nel 2012-2013, a giocare nel campionato più importante. Obiettivo salvezza, raggiunta con tranquillità a sette giornate dal termine del torneo, classificandosi all'ottavo posto in classifica con 41 punti realizzati.

09/08/2004
(modificato il 07/11/2013)


Parole chiave: