Pugilato femminile: oro mondiale per Irma Testa e Angela Carini

Irma Testa sul podio dei campionati del mondo di pugilato femminileLe Fiamme oro hanno messo in bacheca altri due titoli mondiali grazie a Irma Testa e Angela Carini che hanno vinto la medaglia d'oro ai Campionati del mondo di boxe femminile per le categorie junior e youth, organizzati dall'Aiba e disputati a Taipei (Cina) dal 15 al 23 maggio.

Queste medaglie sono il frutto del lavoro svolto dai tecnici delle Fiamme oro nel settore giovanile di Marcianise (Caserta), dove si allenano le giovani campionesse, entrambe 17enni.

Il capo della Polizia Alessandro Pansa ha espresso la propria soddisfazione per l'eccellente risultato ottenuto dalle atlete del vivaio del Gruppo sportivo della Polizia di Stato.

Angela Carini delle Fiamme oro pugilato femminilePer Irma si tratta della prima gara da poliziotta, infatti ha vinto l'ultimo concorso riservato agli atleti e tra pochi giorni inizierà il corso di formazione per agenti: "Ero molto tesa perché era il mio primo campionato con i colori della Polizia di Stato e volevo portate una medaglia pregiata alle Fiamme oro".

Nella finale dei 57 chili youth Irma ha sconfitto con un secco 3 - 0 l'ucraina Bondarenko. Per lei si tratta della seconda corona mondiale, dopo quella vinta due anni fa in Bulgaria nella categoria 52 chili junior. La sua vittoria non è mai stata in dubbio, i suoi colpi precisi hanno raggiunto spesso il bersaglio, facendole accumulare i punti necessari alla conquista del titolo.

"Era il primo campionato in cui cambiavo categoria di peso, la prima volta a 57 chili, e la paura di fallire era tanta e cinque combattimenti in dieci giorni sono tanti. Ma poi ho preso il ritmo ed è venuto tutto come doveva andare. I match precedenti alla finale sono stati tra virgolette facili, la finale è stata la più difficile, non per l'avversario ma per la voglia di vincere e l'emozione".

Irma Testa ed Angela Carini delle Fiamme oro pugilato femminileIrma Testa è stata inoltre eletta miglior boxer del torneo youth, e a consegnarle il premio è stato il presidente dell'Aiba Ching-Kuo Wu.

Grande risultato anche per l'altra portacolori delle Fiamme oro Angela Carini, vincitrice della finale dei 64 chili youth contro la russa Nemtseva, con un secco 3 - 0.

Angela è tesserata per il settore giovanile di Marcianise, e dopo la sua vittoria ha voluto fare una dedica importante. Proprio lei che è figlia di un poliziotto rimasto gravemente ferito in attività e ora non più in servizio, ha voluto dedicare il suo titolo "Al giudice Giovanni Falcone e ai poliziotti della sua scorta, morti nell'attentato di Capaci di cui oggi ricorre l'anniversario".

"Ho sempre pensato alla vicinanza speciale di uomini straordinari della Polizia e dello Stato - ha sottolineato la rappresentante delle Fiamme oro - che hanno guidato le mie scelte. Sono una studentessa di liceo e non ero ancora nata quando c'è stata la strage di Capaci, ma quella tragedia è viva nella mia memoria. Ho vinto il titolo nello stesso giorno di Capaci, è doveroso dedicarlo a quegli eroi. Il mio vuole essere anche un messaggio ai giovani come me".

La finale iridata è stata seguita su un maxi schermo situato all'interno del liceo "Quercia" di Marcianise, dove una folla di studenti ha fatto un tifo sfrenato per la loro amica e collega di studi.

Proprio in quell'istituto due anni fa il capo della Polizia Alessandro Pansa ha inaugurato la sede della sezione giovanile delle Fiamme oro pugilato.

Sergio Foffo

25/05/2015
(modificato il 26/05/2015)