Cagliari: poliziotto ucciso dal cognato che tentava il suicidio

Funerali solenni e lutto cittadino domani a Soleminis, la cittadina che dista 15 chilometri da Cagliari, dove sabato 20 febbraio il sostituto commissario Maurilio Vargiu di 51 anni è stato ucciso, con un colpo di fucile, dal cognato.

Secondo la ricostruzione della dinamica, Gian Priamo Piras, cognato del sostituto commissario, aveva manifestato nella mattinata propositi di suicidio, imbracciando un fucile da caccia; la moglie, sorella di Maurilio Vargiu, ha immediatamente chiesto aiuto al fratello per far desistere il marito dal suo proposito.

Il poliziotto, nell'attesa dell'arrivo dei Carabinieri avvisati dalla sorella, è andato a casa del cognato che aveva già esploso un colpo di fucile, nel tentativo di uccidersi.

Vargiu, raggiunta l'abitazione del cognato, non ha avuto nemmeno il tempo di parlare con il cognato.

Quest'ultimo, infatti, alla vista del poliziotto che stava entrando in giardino ha esploso un colpo al volto del sostituto commissario. Piras, subito dopo, ha esploso verso di sé un altro colpo restando ferito.

Il sostituto commissario, in servizio dal 1988, lavorava nella questura di Cagliari e lascia una moglie e due figli.

22/02/2016
(modificato il 14/09/2017)