Palermo: oggi si ricorda la strage di via D’Amelio

Sono passati 26 anni ma è sempre vivo il ricordo del giudice Paolo Borsellino, e degli agenti Agostino Catalano, Eddie Walter Cosina, Claudio Traina, Vincenzo Li Muli e Emanuela Loi.

Il giudice e la sua scorta persero la vita in un attentato di mafia proprio il 19 luglio del 1992 a Palermo, in via D’Amelio.

Anche quest’anno, in occasione della ricorrenza, la città di Palermo li ricorda con diverse iniziative.

Alle 16.30 presso il Palazzo dei Normanni, nell’ambito della manifestazione “Frammenti di Storia”, sarà inaugurata una mostra fotografica realizzata dall’artista Valerio Spada, con la collaborazione della Polizia scientifica di Palermo e della Fondazione “Federico II”.

Alle 17.30 alla presenza del capo della Polizia Franco Gabrielli si svolgerà la cerimonia in ricordo delle vittime con la deposizione di una corona d’alloro sulla lapide commemorativa presso il Reparto Scorte della Questura. Subito dopo, nel piazzale della caserma ''Pietro Lungaro'', verrà officiata dall'arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice una Santa Messa in ricordo delle vittime della strage.

Seguirà un momento dedicato all'agente Emanuela Loi con la proiezione di un filmato e le testimonianze di alcuni colleghi che condivisero momenti di vita e di lavoro con la poliziotta.

La giornata si concluderà con la rappresentazione teatrale di un monologo dal titolo ''Io Emanuela agente della scorta di Paolo Borsellino'' tratto dal testo omonimo di Annalisa Strada e interpretato dall'attrice Laura Mantovi per la regia di Sara Poli.

Quel giorno il giudice Borsellino con la sua scorta si recò in via D'Amelio dove vivono la madre e la sorella. Una Fiat 126, parcheggiata nei pressi dell'abitazione con circa 100 chili di tritolo a bordo, esplode uccidendo il giudice e i cinque agenti. Sono le 16.58. La deflagrazione nel cuore di Palermo viene avvertita in gran parte della città. L'autobomba uccide Emanuela Loi 24 anni la prima donna poliziotto entrata a far parte di una squadra di agenti addetta alle scorte, Agostino Catalano 42 anni Vincenzo Li Muli 22 anni Walter Eddie Cusina 31 anni e Claudio Traina 27 anni. Unico superstite l'agente Antonino Vullo.

Antonio Fantozzi

19/07/2018
(modificato il 20/07/2018)