Reggio Emilia: presi rapinatori seriali

Presi gli autori di due rapine commesse, a Reggio Emilia, nel giro di pochi giorni una dall’altra. A finire in carcere due pregiudicati responsabili delle rapine a mano armata, una in tabaccheria e l’altra in un supermercato della città emiliana; mentre un terzo uomo, con il ruolo di “palo”, è stato denunciato.

Le indagini della Squadra mobile hanno puntato subito sul modus operandi che appariva lo stesso: due persone, a volto coperto ed armate di una pistola, facevano ingresso nell’esercizio commerciale e asportavano tutto il denaro presente in cassa. L’azione era, sempre, fulminea (durava meno di un minuto) ed i rapinatori si davano alla fuga a piedi. Nel caso della rapina al supermercato, però, gli investigatori notavano allontanarsi, dal teatro della rapina, un’auto con una ammaccattura guidata, verosimilmente, da un complice. (Video)

L’analisi del modello e del colore dell’auto, una Renault Megane grigia, consentiva di circoscrivere le indagini e di giungere poi, dopo la valutazione di un’enorme quantità di dati, al proprietario della macchina.

Le successive investigazioni consentivano infine di “legare” all’autista anche gli autori dei colpi.

Le indagini comunque non si sono fermate in quanto il gruppo criminale potrebbe essere responsabile anche di altre rapine commesse nella provincia di Reggio Emilia.

24/02/2018


Parole chiave:
rapine - Reggio Emilia - arresti