Aste On Line

Non sempre i conti tornano: per rendere le aste il più appetibile possibile i gestori chiedono agli offerenti di partire con prezzi bassissimi. Succede così che chi mette in vendita un prodotto sperando di ottenere almeno una certa somma vede spesso aggiudicare il proprio bene per molto meno.

A nulla vale allora opporsi alla consegna dell'oggetto offerto. Infatti il codice civile parla chiaro: in questi casi si è di fronte ad una "offerta al pubblico", vincolante per il proponente, che si perfeziona in un contratto di vendita al momento dell'aggiudicazione da parte del miglior offerente e della relativa comunicazione al proponente.

Attenzione anche per chi si "aggiudica'" un bene: se l'offerente è un privato (cosa che non sempre è evidente) non può essere fatto valere il diritto di recesso di 10 giorni previsto dalla legge sulla vendita a distanza. Il contratto in questo caso è vincolante a tutti gli effetti fin dall'aggiudicazione.

Ed infine: nelle aste online si possono anche "fare affari" con il solito volpone che, una volta intascati i vostri soldi, sparisce dal web senza lasciar traccia.

I nostri consigli:

  • Verificate se l'offerta è lanciata da un privato oppure da un commerciante.
  • Se Vi viene aggiudicato un bene, prima di inviare i soldi, controllate l'esistenza reale della persona.
  • Sappiate che in caso di acquisti transfrontalieri possono entrare in gioco altri fattori (maggiori spese di spedizione, dazi doganali se extra-Ue, applicazione di leggi e sistemi giuridici diversi dal nostro).
06/08/2013


Parole chiave: