Revenge porn: la vendetta nell’era dei social network

Ci sono voluti un anno e mezzo, molta costanza da parte degli investigatori e un coraggio da leone, anzi da leonessa, da parte della denunciante; ma alla fine la giustizia potrà fare il suo corso.

La vittima, una giovane  di Campobasso, si è rivolta alla Polizia postale e delle comunicazioni del capoluogo molisano perché il suo ex fidanzato, per vendicarsi della fine della loro relazione aveva pubblicato in Rete, attraverso diversi canali social, foto e filmati intimi che ritraevano la coppia in atteggiamenti  erotici.

L’ex fidanzato aveva messo in atto quella che nel mondo anglosassone è conosciuta come revenge porn.

I filmati e le foto erano diventati virali e sembrava impossibile bloccarne la diffusione.

La storia si era ulteriormente complicata quando uno dei destinatari dei filmati aveva agganciato la donna su Internet minacciandola di poter diffondere ulteriormente queste immagini se non avesse avuto rapporti sessuali con lui.

L’uomo, nonostante avesse utilizzato profili fasulli alla fine è stato identificato e denunciato così come l’ex fidanzato e altre due persone che con superficialità avevano contribuito a rendere la vita della vittima un inferno, divulgando i video.

Ora che le immagini sono state rimosse dalla Rete, grazie ad un decreto della magistratura, non resta che attendere il processo.


27/06/2017