Motocross: Kiara Fontanesi è per la 6° volta campionessa del mondo

La maglia è quella delle Fiamme oro e il numero uno è quello della più forte del mondo.

Con la vittoria ottenuta a Imola, al termine di due gare al cardiopalma, Kiara Fontanesi ha conquistato i punti necessari a vincere il titolo mondiale di motocross femminile Wmx.

Per la campionessa cremisi si tratta della sesta vittoria in dieci anni di mondiale, quattro consecutivi dal 2012 al 2015, poi 2017 e 2018, un vero e proprio record che la proietta di diritto nella storia del motocross.

Kiara si presentava a Imola con un vantaggio di 8 punti sulla seconda in classifica, l'olandese Nancy Van De Ven, che sulla pista dell’autodromo Enzo e Dino Ferrari ha lottato fino alla fine per conquistare il titolo iridato.

Distacco che si era assottigliato a 5 punti al termine della prima manche, vinta dall’olandese, con Kiara piazzata al secondo posto.

Gara 2 quindi decisiva per la vittoria finale. Kiara è partita bene e dopo due giri è passata in testa, rimanendoci fino alla fine, nonostante i tentativi delle avversarie.

La portacolori delle Fiamme oro ha tagliato il traguardo con il boato del “suo” pubblico, infatti è nata in provincia di Parma, e per lei è stata una gioia ancora più forte: “Una gioia che non riesco a raccontare - ha detto Kiara con le lacrime agli occhi - Troppo grande la soddisfazione di essere riuscita nell’intento di vincere il mondiale qui a Imola. Ho lavorato tutta la stagione per arrivare qui e vincere. Tre gare in Italia sono state stupende e Imola rimarrà nel mio cuore. Una pista mitica, un Gran Premio stupendo e un meraviglioso pubblico. Sono al settimo cielo. Ci tenevo troppo a vincere qui. Ero emozionata prima della partenza, ma lucida. Questo sesto mondiale è qualcosa di magico. Era come lo avevo sognato a inizio anno quando il calendario dava tre prove in Italia”.

Alla neo campionessa mondiale sarebbe bastato anche il secondo posto per assicurarsi il titolo, ma lei vuole vincere sempre: “Sono partita con l’obiettivo di vincere la manche - ha detto Kiara commentando la gara - Non volevo arrivare seconda. Volevo vincere il gran premio perché volevo rendere il mondiale ancora più speciale. Non era mia intenzione controllare la Van De Ven. L’ho passata in un punto sicuro e senza esagerare, poi ho imposto il ritmo e sono andata. Sapevo che Nancy era alle mie spalle e spingeva, ma io ho proseguito a fare la mia andatura. Anche con i doppiaggi sono stata cauta, ma incisiva. E poi il salto finale. La gioia ha tolto in un secondo tutto lo stress accumulato in questi giorni”.

Sergio Foffo

23/10/2018
(modificato il 25/10/2018)